home Tempo di lettura massimo 3 min


Alla ricerca del... launcher perfetto - Arrow Launcher

Arrow Launcher, sviluppato da Microsoft, è il launcher che vi voglio presentare oggi. Arrow presenta il classico stile Android, quindi troveremo il drawer delle applicazioni, in questo caso ordinato alfabeticamente e una schermata home; proprio quest'ultima è la feature principale che lo distingue dal launcher stock di Android. La home page è suddivisa in sei schermate App, Recenti, Persone, Widget, Promemoria e Documenti. Ciò riduce la personalizzazione della propria home ad una scelta tra queste pagine e in che ordine visualizzarle. Esaminiamo velocemente ogni pagina: App: ha due possibilità di visualizzazione, con la modalità personalizzata potremo aggiungere le app che desideriamo avere a portata di mano, mentre con la modalità automatica sarà il launcher a proporci le app in base all'utilizzo, un po come accadeva su Z Launcher, ma con risultati decisamente minori Recenti: mostra alcuni contenuti come messaggi, chiamate e foto recenti Widget: una schermata dove poter inserire i nostri widget Persone: visualizza i contatti recenti Promemoria: permette di gestire dei promemoria, pagina poco utile vista la presenza sul play store di milioni di app di questo genere Documenti: mostra tutti(o quasi) i documenti presenti sul nostro smartphone. Perchè quasi? A livello di gesture è presente il doppio tap per sospendere il dispositivo, inoltre effettuando uno swipe dal basso verso l'alto appariranno alcuni quick toggle, un opzione che risulta ridondante dato che sono sostanzialmente una selezione dei toggle presenti nella tendina delle notifiche. Potrebbe tornare utile se avete uno smartphone molto grande dove raggiungere la tendina delle notifiche risulta difficoltoso. Da menzionare la possibilità di impostare uno sfondo proveniente dalla galleria di Bing. Tirando le somme Arrow Launcher è un miscuglio di tante idee, più o meno riuscite e forse per questo quello che più gli manca è la semplicità e l'immediatezza nell'uso. Per questo motivo difficilmente riuscirà, almeno per ora, a fare quel salto di qualità necessario a portarlo all'eccellenza. Test effettuato con: LG G Flex 2 In definitiva il voto complessivo per Arrow Launcher è  6/10.

L'angolo nerd app si aggiorna alla versione 1.0

A sei giorni dal lancio della prima versione pubblica, l'applicazione Android de L'angolo nerd si aggiorna alla versione 1.0 con importanti novità. La più interessante è sicuramente l'introduzione del servizio di notifica alla pubblicazione di nuovi articoli attraverso le Push Notifications, funzione che, attraverso la schermata di impostazioni raggiungibile dal menù a tendina, sarà poi possibile attivare o disattivare (attiva di default). Di seguito trovate il changelog completo riportante tutte le novità e le modifiche.   Changelog v1.0 Notifiche push Nuova voce Settings nel menù Rimossa dal menù la voce Privacy Policy Rimossi i cookie di profilazione presenti nel sito completo Rimosso il banner di notifica dei cookie Rimosse le pubblicità eccetto il banner sotto il titolo del singolo articolo Gestione dei link esterni (social links, sharing links ecc) Rimosse numerose dipendenze utili per il sito completo   N.B. Il caricamento iniziale, soprattutto al primo avvio, potrebbe essere sensibilmente più lungo. Questo è dovuto alla procedura di inizializzazione del servizio per le notifiche push, ma stiamo costantemente lavorando al miglioramento delle performance dell'app... abbiate pazienza! N.B.2 Nel caso in cui l'installazione dell'aggiornamento non dovesse andare a buon fine, la soluzione è disinstallare la versione precedente e installare la 1.0. Questo è dovuto a un probabile cambio di firma del file .apk.   DOWNLOAD cloud_download  

L'angolo nerd: disponibile l'applicazione Android

È con grande piacere che L'angolo nerd annuncia il lancio dell'applicazione ufficiale per Android! In piena fase di sviluppo, non è ancora presente sul Play Store, ma è disponibile per l'installazione manuale scaricando il file .apk. Attualmente non offre molte funzionalità aggiuntive rispetto alla versione mobile del sito, che viene caricata all'interno di una WebView, ma sono in programma diverse idee da implementare, prime fra tutte le notifiche push alla pubblicazione di un nuovo articolo. Vediamo ora nello specifico le caratteristiche dell'app. Innanzitutto dispone di una splash screen che copre la schermata bianca - odiosa n.d.r - di caricamento della pagina web e permette la visualizzazione mobile del sito.     La funzionalità aggiuntiva attualmente presente è la "capacità" di intercettare gli URL indirizzati al sito e permetterne l'apertura in-app piuttosto che in una nuova scheda nel browser.   Inoltre, per chi fosse interessato, l'applicazione viene distribuita sotto licenza GPLv3 e il codice sorgente è stato caricato su GitHub, permettendo a chiunque volesse di contribuire allo sviluppo attraverso delle Pull Request. L'applicazione è stata scritta from scratch, da zero, con Android Studio e richiede Android Lollipop come requisito minimo (Android 5.0+, API 21). Per concludere, di seguito trovate il link per il download del file .apk con annesso QR Code, comodo se state visualizzando questa pagina da PC. DOWNLOAD cloud_download

Alla ricerca del... launcher perfetto - Evie Launcher

Un aspetto rilevante di uno smartphone Android è sicuramente l'estremo grado di personalizzazione. Senza dover avventurarci in procedimenti più "complicati" come l'installazione di una rom cucinata, possiamo modificare il look del nostro telefono installando un nuovo launcher. Negli ultimi anni ne sono stati pubblicati a dozzine sul Play Store e chi tra di noi non ha provato almeno uno? Ultimamente però la scelta è così vasta che trovarne uno che ci piaccia sta diventando piuttosto complicato. A questo scopo nasce questa nuova rubrica che ha come obiettivo trovare il miglior launcher Android, facendo una panoramica di pregi e difetti conditi con impressioni personali, cercando di essere d'aiuto in questa ardua scelta. Oggi parliamo di Evie Launcher, che si è rivelato essere una piacevole sorpresa, soprattuto nella sua ultima relase. Uscito ormai da qualche mese, ha visto negli ultimi giorni un importante aggiornamento che lo ha piacevolmente rivoluzionato, rendendolo simile al Pixel Launcher. L'interfaccia non viene stravolta rispetto all'esperienza Android standard, rimarrà la classica impostazione a schermate della home con la possibilità di inserire widget. Rimane anche il drawer delle applicazioni anche se ridisignato con la possibilità della vista in verticale oppure quella classica con 4 icone per riga, putroppo il numero di colonne e di righe non è modificabile. La feature più interessante è sicuramente la ricerca, attivabile sia con un comodo swipe dall'alto verso il basso, oppure facendo tap sulla barra di ricerca, all'apertura ci verranno presentate le app utilizzate recentemente. La ricerca non si limita solamente ad una ricerca tra le app installate, ma sfruttando i servizi di Google ci verranno proposti luoghi tramite Google Maps; giochi, canzoni, app provenienti dal Google Play Store e altri risultati provenienti dalla ricerca google. Come sempre per capire bisogna provare, ma vi posso assicurare che la comodità che offre è davvero elevata.  Le impostazioni sono moltissime tra le quali: numero di colonne, righe e dimensione delle icone della homescreen totalmente personalizzabile possibilità di modificare il layout della dock badge per le notifiche non lette gesture come il doppio tap per spegnere lo schermo Infine non si possono non nominare il redesign delle cartelle e il menu dei widget che è raggruppato per app. Niente è perfetto e qualche piccolo difetto lo troviamo, nella schermata home dove non è presente un menù di scelta rapida alla pressione dell'icona. Trascurabile per la maggior parte degli utenti android ma non da chi ha provato le nuove scorciatoie "alla pixel". In definitiva il voto che diamo ad Evie Launcher è di 8/10. Ringraziamo Lorenzo per la segnalazione di questo ottimo launcher.

Automate, l'alternativa a tasker

Per chi non la conoscesse Automate è un'app disponibile per Android, che ci permette di automatizzare diverse azioni che compiamo quotidianamente. Ad esempio l'accessione automatica del wi-fi una volta che arriviamo a casa, oppure l'effettuare un backup di tutte le foto che abbiamo scattato durante la giornata. Ovviamente gli utilizzi possono essere moltissimi e sono limitati solo dalla fantasia. Fatte le dovute presentazioni passiamo col dire che da un po di tempo a questa parte  si sta imponendo come principale alternativa a tasker altra famosa app di automazione.  La forza di automate sta nella semplicità, creare i flow, ovvero i percorsi logici da far seguire all'applicazione è veramente facilissimo. Il meccanismo è basato su delle tessere da posizionare sullo schermo per poi connetterle tra di loro creando un percorso logico in modo da ottenere un determinato comportamento. Ad esempio se vogliamo accendere il wi-fi una volta arrivati a casa, non dobbiamo far altro che prendere la tessera che controlla la nostra posizione ed unirla alla tessera che abilita il wi-fi. Insomma, chi ha un po di competenze informatiche avrà già capito che stiamo parlando di qualcosa di molto simile ai diagrammi di flusso.  Ogni tessera per funzionare avrà bisogno di particolari permessi installabili direttamente dall'applicazione. Tappando sull'apposito tasto ci verrà chiesto di scaricare una app contenente i relativi permessi. Inoltre alcune funzioni avranno bisogno dei permessi di root per essere eseguite, come ad esempio quelle relative all'attivazione della connessione dati. Ovviamente tutto questo ben di dio ha un prezzo(onesto), l'applicazione è infatti disponibile gratuitamente sul play store ma da la possibilità di avere in esecuzione contemporaneamente flow per un totale di 30 tessere, che sembrano tante ma una volta che ci si prende la mano sono molto poche. Soprattutto perchè automate mette a disposizione una community dove gli utenti possono fare upload dei propri flow per condividerli. Molti di quelli presenti e, secondo il mio parere, tra quelli più interessanti richiedono la versione pro dell'app. In conclusione automate può essere un valido sostituto di tasker sia per gli inesperti sia per i più geek. Certo è che chi si è già costruito il proprio "ecosistema" su tasker difficilmente sarà disposto a cambiare.  

Newsletter: come rimanere sempre aggiornati

Ormai quasi tutti i siti web e blog che si rispettino lo offrono e di certo L'angolo nerd non poteva non vantare di questo servizio. Sto parlando della newsletter, un servizio che permette di inviare a tutti gli iscritti delle notifiche via email, solitamente alla pubblicazione di nuovi contenuti o con cadenze precise riportando le notizie più rilevanti (ad esempio settimanale o mensile). Attualmente questo servizio su L'angolo nerd è limitato alla notifica al momento della pubblicazione di ogni nuovo articolo ed è in costante perfezionamento, con la particolarità che è stato progettato per memorizzare meno dati personali possibili: viene infatti richesto soltanto l'inserimento dell'indirizzo email. L'iscrizione è semplicissima, basterà infatti inserire l'email nel form che potete trovare in fondo ad ogni pagina del sito (quello che vedete riportato in foto) e dal successivo articolo riceverete la notifica all'indirizzo specificato. Ogni volta che viene pubblicato un articolo viene infatti richiamata una funzione PHP che provvede a compilare il template dell'email e ad inviarla ad ogni email registrata nel database. Per ora si tratta semplicemente della classica funzione mail(): $headers = "MIME-Version: 1.0\r\n";$headers .= "Content-type: text/html; charset=iso-8859-1\r\n";$headers .= "From: postmaster@langolonerd.it" . "\r\n" .mail($email, "Nuovo articolo disponibile | L'angolo nerd", $text, $headers);  Dove $email contiene l'indirizzo di destinazione e $text il template delle email compilato con i dati relativi al nuovo articolo. Questa funzione è però tanto semplice quanto limitata, in quanto non permette ad esempio di raccogliere statistiche o, cosa molto più importante, di garantire che ogni client email riesca a visualizzare correttamente il contenuto dell'email. Proprio per questo motivo in futuro potremmo decidere di appoggiarci a servizi come MailChimp o simili, che permettono di configurare la newsletter in modo da gestire liste di iscritti differenziate così come diversi template, nonchè l'invio di email cumulative in stile "Ecco cosa ti sei perso!" e la reportistica completa sulle newsletter inviate, ma in ogni caso verrete avvisati per qualsiasi modifica delle condizioni. Per concludere, nel caso in cui vi siate iscritti ma non voleste più ricevere alcuna email sarà sufficiente seguire il link che trovate in fondo all'email per cancellarvi definitivamente, con la consapevolezza che i vostri dati verranno realmente rimossi dal nostro database, non semplicemente "nascosti".