home Ricerca per tag "applicazione"


Android e le notifiche push con Firebase

Firebase Cloud Messaging (FCM), successore di Google Cloud Messaging GCM, è un servizio che offre una soluzione alla messaggistica istantanea multipiattaforma. Offerto da Google permette, oltre alla gestione di cloud database, piattaforme di testing, crash reporting e autenticazione, di inviare messaggi push in modo del tutto gratuito e illimitato. Vediamo quindi come utilizzare FCM per implementare le notifiche push in un sistema composto da un server PHP e un'applicazione Android. Per quanto riguarda il lato applicazione, Android Studio ci viene in aiuto integrando la piattaforma Firebase (raggiungibile da Tools > Firebase) e con pochi click potremo connettere l'app al servizio e inserire le dipendenze mancanti nel nostro progetto. Sarà infatti sufficiente specificare le dipendenze per la compilazione nei due file build.gradle, importare com.google.firebase.iid.FirebaseInstanceId nella classe in cui andremo ad utilizzarlo e inserire il file google-services.json - che possiamo reperire dalla console di Firebase - sotto app/ .   A questo punto la configurazione dell'applicazione è terminata e il token identificativo di registrazione al servizio sarà raggiungibile attraverso la chiamata al metodo FirebaseInstanceId.getInstance().getToken(). Possiamo verificare il corretto funzionamento direttamente dal pannello di Firebase, dove, nella pagina Notifications, potremo creare manualmente delle notifiche da inviare alla nostra applicazione.   Per quanto riguarda invece la configurazione lato server, utile per automatizzare l'invio delle push in determinate occorrenze, come potrebbe essere la pubblicazione di un nuovo articolo, avremo bisogno di uno script in PHP che, prese in input la chiave per le API lato server e i token delle applicazioni, invii la notifica. Innanzitutto dovremo ottenere la API key per il server, che possiamo trovare nel pannello di gestione delle API di Google. Dovrebbero esserci tre chiavi con la dicitura (auto created by Google Service) tra cui anche la Server Key.   Il codice seguente permette di generare una notifica e "spedirla" all'applicazione specificando $title e $body come titolo e contenuto della stessa: $msg = array(    'body' => $body,    'title' => $title,    'vibrate' => 1,    'sound' => 1,);$fields = array(    'registration_ids' => $registrationIds,    'notification' => $msg);$headers = array(    'Authorization: key=' . API_ACCESS_KEY,    'Content-Type: application/json');$ch = curl_init();curl_setopt( $ch,CURLOPT_URL, 'https://fcm.googleapis.com/fcm/send' );curl_setopt( $ch,CURLOPT_POST, true );curl_setopt( $ch,CURLOPT_HTTPHEADER, $headers );curl_setopt( $ch,CURLOPT_RETURNTRANSFER, true );curl_setopt( $ch,CURLOPT_SSL_VERIFYPEER, false );curl_setopt( $ch,CURLOPT_POSTFIELDS, json_encode( $fields ) );$result = curl_exec($ch );curl_close( $ch );return $result; Dove API_ACCESS_KEY è la Server Key e $registrationIds sarà un array di stringhe contenente i token delle applicazioni registrate. Per completare la procedura e renderla funzionante manca soltanto la gestione dei token. Per farlo sarà necessario salvare nel database del server tutti i codici delle applicazioni registrate, che avremo ottenuto attraverso il metodo getToken() citato all'inizio. Sarà quindi sufficiente, lato applicazione, chiamare questo metodo ed inviare il token al server attraverso una richiesta GET o PUSH, che provvederà poi a salvarlo nel database e recuperarlo all'occorrenza per popolare $registrationIds.

L'angolo nerd app si aggiorna alla versione 1.0

A sei giorni dal lancio della prima versione pubblica, l'applicazione Android de L'angolo nerd si aggiorna alla versione 1.0 con importanti novità. La più interessante è sicuramente l'introduzione del servizio di notifica alla pubblicazione di nuovi articoli attraverso le Push Notifications, funzione che, attraverso la schermata di impostazioni raggiungibile dal menù a tendina, sarà poi possibile attivare o disattivare (attiva di default). Di seguito trovate il changelog completo riportante tutte le novità e le modifiche.   Changelog v1.0 Notifiche push Nuova voce Settings nel menù Rimossa dal menù la voce Privacy Policy Rimossi i cookie di profilazione presenti nel sito completo Rimosso il banner di notifica dei cookie Rimosse le pubblicità eccetto il banner sotto il titolo del singolo articolo Gestione dei link esterni (social links, sharing links ecc) Rimosse numerose dipendenze utili per il sito completo   N.B. Il caricamento iniziale, soprattutto al primo avvio, potrebbe essere sensibilmente più lungo. Questo è dovuto alla procedura di inizializzazione del servizio per le notifiche push, ma stiamo costantemente lavorando al miglioramento delle performance dell'app... abbiate pazienza! N.B.2 Nel caso in cui l'installazione dell'aggiornamento non dovesse andare a buon fine, la soluzione è disinstallare la versione precedente e installare la 1.0. Questo è dovuto a un probabile cambio di firma del file .apk.   DOWNLOAD cloud_download  

L'angolo nerd: disponibile l'applicazione Android

È con grande piacere che L'angolo nerd annuncia il lancio dell'applicazione ufficiale per Android! In piena fase di sviluppo, non è ancora presente sul Play Store, ma è disponibile per l'installazione manuale scaricando il file .apk. Attualmente non offre molte funzionalità aggiuntive rispetto alla versione mobile del sito, che viene caricata all'interno di una WebView, ma sono in programma diverse idee da implementare, prime fra tutte le notifiche push alla pubblicazione di un nuovo articolo. Vediamo ora nello specifico le caratteristiche dell'app. Innanzitutto dispone di una splash screen che copre la schermata bianca - odiosa n.d.r - di caricamento della pagina web e permette la visualizzazione mobile del sito.     La funzionalità aggiuntiva attualmente presente è la "capacità" di intercettare gli URL indirizzati al sito e permetterne l'apertura in-app piuttosto che in una nuova scheda nel browser.   Inoltre, per chi fosse interessato, l'applicazione viene distribuita sotto licenza GPLv3 e il codice sorgente è stato caricato su GitHub, permettendo a chiunque volesse di contribuire allo sviluppo attraverso delle Pull Request. L'applicazione è stata scritta from scratch, da zero, con Android Studio e richiede Android Lollipop come requisito minimo (Android 5.0+, API 21). Per concludere, di seguito trovate il link per il download del file .apk con annesso QR Code, comodo se state visualizzando questa pagina da PC. DOWNLOAD cloud_download