home Tempo di lettura massimo 2 min


I migliori client Facebook alternativi | Recap

Nei precedenti  articoli di questa rubrica abbiamo esaminato alcuni dei client Facebook reperibili sul Play Store. Della lista stilata inizialmente ho deciso di non recensirne alcuni dato che per prestazioni e funzionalità non apportavano nessun miglioramento visibile oppure erano del tutto simili ad altri già esaminati. Per evitarvi diverse ripetizioni ho pensato fosse più utile raccontarvi la mia esperienza e quale client ho deciso di utilizzare. Avendo provato una decina di client diversi non è stato facile organizzarsi soprattutto per capire quelle che erano le differenze uno con l'altro, quindi inizialmente li ho installati tutti e provati in contemporanea. Dopo di che li ho analizzati più approfonditamente uno alla volta soprattutto per determinare al meglio consumi e prestazioni. Ma ammetto che già da subito mi ero fatto un'idea abbastanza precisa su quali fossero i client degni di nota. Ultimamente ho limitato la scelta a due Phoenix e Friendly. Li ho provati entrambi a lungo, sia sul mio telefono principale (LG G Flex 2), che sul vecchio Samsung S2 Plus con custom rom basata su Android 7.1.2 Nougat. A livello di prestazioni e consumo di batteria entrambi mi hanno soddisfatto anche se sul G Flex 2 non notavo differenze tra i due sul S2 Friendly mi è sembrato più fluido e scattante. Parlando della funzione di ricerca è decisamente meglio implementata in Friendly sia graficamente che per l'immediatezza con cui ci vengono proposti i risultati. Per quanto riguarda gli altri punti che sono stati approfonditi nei relativo articolo non ho trovato grandi differenze. Entrambe sono due ottime applicazioni che hanno molti punti di forza in comune ed è stato difficile scegliere ma alla fine ho optato per Friendly.

[TaskerTime] Musica nelle tue cuffie!

Eccoci ad un altro capitolo della nostra rubrica TaskerTime. Oggi vediamo come, inserendo le cuffie nello smartphone, avere l'immediato avvio della musica. Per farlo basteranno pochi passaggi: aggiungiamo lo Stato - Cuffie Collegate - Qualunque. Come nuova attività in entrata associata allo Stato, impostiamo Volume Media - Livello 9 per avere un volume iniziale medio-alto e Controllo Media - Play [Simulazione] selezionando come App l'applicazione da noi scelta. Nel mio caso, ho scelto il music player predefinito. Come attività in uscita Volume Media - Livello 0, Controllo Media - Stop e Kill App - Musica Se riceviamo un messaggio audio o guardiamo un video e vogliamo ascoltarlo in cuffia, per quanto detto sopra, partirà automaticamente la musica, portandoci ad odiare il nostro amato plugin. Per questo motivo dobbiamo effettuare qualche cambiamento alla configurazione precedente. Creiamo una variabile %Social settata a 0 e aggiungiamo come Applicazione tutte quelle apps per le quali non vogliamo che parta la musica quando sono in primo piano. Come attività in ingresso al task Applicazione appena creato,  impostiamo Imposta %Social a 1, e come attività in uscita Imposta %Social a 0. La stessa configurazione dobbiamo impostarla per il nuovo stato Chiama - Tutti, in modo da non far partire la musica se riceviamo o effettuiamo una chiamata. Ora non ci resta che modificare l'attività in entrata di Cuffie Collegate un If, che eseguirà Controllo Media - Play solo se la variabile %Social è uguale a 0.

[TaskerTime] Modalità Silenziosa Ad Hoc

In uno degli ultimi articoli abbiamo parlato di come possiamo disabilitare la modalità silenziosa durante le chiamate. Oggi vedremo come attivare la modalità silenziosa quando lo schermo dello smartphone è acceso e disattivarla quando è spento. In questo modo il telefono eviterà di vibrare o suonare mentre lo stiamo usando.  Come prima cosa,  aggiungiamo l'evento Display Off e, come nuova attività, Do Not Disturb - Tutti, la quale consentirà al telefono di suonare. Allo stesso modo, l'opzione Display On in modalità Do Not Disturb - Alarms, non permetterà al telefono di emettere alcun suono quando lo schermo è acceso. Questa configurazione presenta però una criticità: alla ricezione di una chiamata consegue l'accensione dello schermo, la quale, attivando la modalità silenziosa, comporta, in caso di non utilizzo del telefono, la possibile perdita della chiamata stessa. Per questo motivo sarà necessario aggiungere un'ulteriore condizione che non attiverà la modalità silenziosa alla ricezione di una chiamata. Come prima cosa, inizializziamo una variabile (che ho chiamato Call) dal menù Vars a 0. Aggiungiamo quindi lo stato Chiama - In Entrata, impostando la variabile %Call a 1 e attivando la modalità Do Not Disturb - Priorità. Inseriamo come Attività in Uscita Imposta %Call a 0 e Do Not Disturb - Alarms. Per finire, modifichiamo l'evento Display On, inserendo come condizione l'attivazione della modalità Do Not Disturb - Alarms solo se la variabile %Call è diversa da 1.  

L'angolo nerd sbarca su Instagram

Il team de L'angolo nerd è lieto di annunciare la creazione della nuova pagina Instagram. Oltre a poter seguire le news potrete trovare anche alcune chicche. Ovviamente per una "piccola realtà" come la nostra il mondo dei social non è solo utile, ma praticamente indispensabile. Sia per farsi conoscere presso nuovi utenti sia per mantenere costante il rapporto con chi già ci segue. Ecco perchè l'idea di inserire un nuovo social oltre ai già presenti, Facebook, Twitter e Google+. Non escludiamo la possibilà di approdare anche su altri social, ma per ora riteniamo che l'offerta sia abbastanza completa. Quindi cosa aspettate, seguiteci anche su Instagram!

Magisk v11: la soluzione All-In-One per il modding di Android

Avevamo già parlato di Magisk tempo fa, una mod molto particolare che permette di installare altre modifiche - dette moduli -, quali i permessi di root, Xposed e Viper4Android in modalità systemless, vale a dire senza toccare la partizione di sistema del dispositivo. Questo avviene grazie ad una modifica della partizione di /boot che permette di caricare virtualmente queste mod nella partizione di sistema ad ogni avvio di Android, rendendo quindi possibile un futuro aggiornamento del sistema senza effettuare nuovamente tutti i passaggi per installare le modifiche volute. Nell'ultimo periodo lo sviluppo di questo sistema ha subito una forte accelerazione introducendo sempre più funzionalità come Magisk Hide, che permette di nascondere i permessi di root alle applicazioni che "non li digeriscono" (Android Pay, Pokemon Go e molte applicazioni di mobile banking ad esempio) e atterrando sul Play Store (Magisk Manager). È di stanotte - 6 febbraio 2017 n.d.r. - l'ultimo aggiornamento, che porta Magisk alla versione 11 e il Manager (l'applicazione di gestione) alla versione 4, rendendo questa mod una soluzione All-In-One per la gestione di moduli e permessi di root. Infatti non sarà più necessario installare a parte un gestore dei permessi di superutente, come possono essere Phh Superuser e SuperSU (per il quale viene comunque mantenuta la compatibilità), poichè ora è integrato direttamente in Magisk. Chiamato MagiskSU, non è altro che una versione modificata del gestore di Phh, ma che permette di chiudere il cerchio, rendendo Magisk la piattaforma più completa nell'ambito del modding di Android. Per maggiori informazioni vi rimando alla discussione ufficiale sul forum di XDA.

Alla ricerca del... launcher perfetto - Arrow Launcher

Arrow Launcher, sviluppato da Microsoft, è il launcher che vi voglio presentare oggi. Arrow presenta il classico stile Android, quindi troveremo il drawer delle applicazioni, in questo caso ordinato alfabeticamente e una schermata home; proprio quest'ultima è la feature principale che lo distingue dal launcher stock di Android. La home page è suddivisa in sei schermate App, Recenti, Persone, Widget, Promemoria e Documenti. Ciò riduce la personalizzazione della propria home ad una scelta tra queste pagine e in che ordine visualizzarle. Esaminiamo velocemente ogni pagina: App: ha due possibilità di visualizzazione, con la modalità personalizzata potremo aggiungere le app che desideriamo avere a portata di mano, mentre con la modalità automatica sarà il launcher a proporci le app in base all'utilizzo, un po come accadeva su Z Launcher, ma con risultati decisamente minori Recenti: mostra alcuni contenuti come messaggi, chiamate e foto recenti Widget: una schermata dove poter inserire i nostri widget Persone: visualizza i contatti recenti Promemoria: permette di gestire dei promemoria, pagina poco utile vista la presenza sul play store di milioni di app di questo genere Documenti: mostra tutti(o quasi) i documenti presenti sul nostro smartphone. Perchè quasi? A livello di gesture è presente il doppio tap per sospendere il dispositivo, inoltre effettuando uno swipe dal basso verso l'alto appariranno alcuni quick toggle, un opzione che risulta ridondante dato che sono sostanzialmente una selezione dei toggle presenti nella tendina delle notifiche. Potrebbe tornare utile se avete uno smartphone molto grande dove raggiungere la tendina delle notifiche risulta difficoltoso. Da menzionare la possibilità di impostare uno sfondo proveniente dalla galleria di Bing. Tirando le somme Arrow Launcher è un miscuglio di tante idee, più o meno riuscite e forse per questo quello che più gli manca è la semplicità e l'immediatezza nell'uso. Per questo motivo difficilmente riuscirà, almeno per ora, a fare quel salto di qualità necessario a portarlo all'eccellenza. Test effettuato con: LG G Flex 2 In definitiva il voto complessivo per Arrow Launcher è  6/10.