home Tempo di lettura massimo 5 min


I migliori client Facebook alternativi | Recap

Nei precedenti  articoli di questa rubrica abbiamo esaminato alcuni dei client Facebook reperibili sul Play Store. Della lista stilata inizialmente ho deciso di non recensirne alcuni dato che per prestazioni e funzionalità non apportavano nessun miglioramento visibile oppure erano del tutto simili ad altri già esaminati. Per evitarvi diverse ripetizioni ho pensato fosse più utile raccontarvi la mia esperienza e quale client ho deciso di utilizzare. Avendo provato una decina di client diversi non è stato facile organizzarsi soprattutto per capire quelle che erano le differenze uno con l'altro, quindi inizialmente li ho installati tutti e provati in contemporanea. Dopo di che li ho analizzati più approfonditamente uno alla volta soprattutto per determinare al meglio consumi e prestazioni. Ma ammetto che già da subito mi ero fatto un'idea abbastanza precisa su quali fossero i client degni di nota. Ultimamente ho limitato la scelta a due Phoenix e Friendly. Li ho provati entrambi a lungo, sia sul mio telefono principale (LG G Flex 2), che sul vecchio Samsung S2 Plus con custom rom basata su Android 7.1.2 Nougat. A livello di prestazioni e consumo di batteria entrambi mi hanno soddisfatto anche se sul G Flex 2 non notavo differenze tra i due sul S2 Friendly mi è sembrato più fluido e scattante. Parlando della funzione di ricerca è decisamente meglio implementata in Friendly sia graficamente che per l'immediatezza con cui ci vengono proposti i risultati. Per quanto riguarda gli altri punti che sono stati approfonditi nei relativo articolo non ho trovato grandi differenze. Entrambe sono due ottime applicazioni che hanno molti punti di forza in comune ed è stato difficile scegliere ma alla fine ho optato per Friendly.

JSE Coin, l'alternativa a Google AdSense

Google AdSense è probabilmente il servizio di remunerazione più noto nell'ambito dell'online publishing. Permette infatti di generare banner pubblicitari da mostrare sul proprio sito, in cambio di piccoli compensi derivati da visualizzazioni e click dei banner stessi. L'angolo nerd adotta questo servizio da diversi mesi, ma si è rivelato essere molto meno profittevole delle aspettative, portando introiti decisamente inferiori rispetto ai costi di mantenimento del sito stesso. Insomma, a meno di non avere almeno più di visitatori al giorno, AdSense non risulta conveniente, soprattutto se si considerano i rallentamenti nella navigazione dovuti al caricamento dei banner pubblicitari offerti da Google. Ma potrebbe esserci una soluzione, un'alternativa ad AdSense e altri circuiti pubblicitari che soffrono delle stesse problematiche, in grado di generare dei profitti senza compromettere l'esperienza utente. JSE Coin è una criptovaluta nata proprio per i webmaster ed è scritta totalmente in JavaScript per permetterne la rapida integrazione con tutti i siti web. L'idea è infatti quella di far eseguire i processi di hashing ai PC dei visitatori durante la loro permanenza sul sito web attraverso uno script caricato dal browser, tutto questo sempre nel rispetto dell'utente. Il mining infatti viene effettuato utilizzando pochissime risorse, tanto da rendere il processo impercettibile in termini di rallentamenti e lag [1]. Inoltre lo script fornisce un banner di notifica che mette a conoscenza l'utente riguardo all'utilizzo di questa tecnologia, permettendogli di disabilitarla (per maggiori informazioni a riguardo vi rimando alla pagina sulla privacy del sito ufficiale). Ma torniamo un attimo ai JSE Coin... quanto valgono? Attualmente, nulla. Più precisamente si tratta di una nuova criptovaluta, lanciata pubblicamente due mesi fa e non ancora quotata in borsa, pertanto le è stato assegnato un valore simbolico di 1$ e, ora come ora, non può nè essere salvata in un portafoglio virtuale, nè scambiata con altre valute, quali possono essere i Bitcoin o i Dollari. L'ingresso sul mercato dei JSE Coin è previsto per metà 2018 in occasione di una ICO (Initial Coin Offering). Attualmente stiamo testando questa nuova tecnologia ed è possibile verificare il corretto funzionamento dello script dalla console del browser, raggiungibile con Ctrl + Shift + J su Chrome e con Ctrl + Shift + K su Firefox (o, in ogni caso con tasto destro > analizza elemento > scheda "Console"). In ogni caso non esitate a contattarci nel caso in cui notiate rallentamenti, lag o impuntamenti del browser durante la navigazione. Per qualsiasi altra informazione a riguardo vi rimando al sito ufficiale di JSE Coin. [1] Un punto a favore di JSE è che, a differenza di altri script miner come il famoso CoinHive, non utilizza il 100% della CPU del computer, ma solo una minima parte. In questo modo l'esperienza utente non viene compromessa, risultando quasi invisibile agli occhi del lettore.

[TaskerTime] Musica nelle tue cuffie!

Eccoci ad un altro capitolo della nostra rubrica TaskerTime. Oggi vediamo come, inserendo le cuffie nello smartphone, avere l'immediato avvio della musica. Per farlo basteranno pochi passaggi: aggiungiamo lo Stato - Cuffie Collegate - Qualunque. Come nuova attività in entrata associata allo Stato, impostiamo Volume Media - Livello 9 per avere un volume iniziale medio-alto e Controllo Media - Play [Simulazione] selezionando come App l'applicazione da noi scelta. Nel mio caso, ho scelto il music player predefinito. Come attività in uscita Volume Media - Livello 0, Controllo Media - Stop e Kill App - Musica Se riceviamo un messaggio audio o guardiamo un video e vogliamo ascoltarlo in cuffia, per quanto detto sopra, partirà automaticamente la musica, portandoci ad odiare il nostro amato plugin. Per questo motivo dobbiamo effettuare qualche cambiamento alla configurazione precedente. Creiamo una variabile %Social settata a 0 e aggiungiamo come Applicazione tutte quelle apps per le quali non vogliamo che parta la musica quando sono in primo piano. Come attività in ingresso al task Applicazione appena creato,  impostiamo Imposta %Social a 1, e come attività in uscita Imposta %Social a 0. La stessa configurazione dobbiamo impostarla per il nuovo stato Chiama - Tutti, in modo da non far partire la musica se riceviamo o effettuiamo una chiamata. Ora non ci resta che modificare l'attività in entrata di Cuffie Collegate un If, che eseguirà Controllo Media - Play solo se la variabile %Social è uguale a 0.

I migliori client Facebook alternativi (seconda parte)

Nel precedente articolo abbiamo già esaminato i punti critici dell'applicazione ufficiale di Facebook, proponendo ed esaminando alcune alternative. Quest'oggi proseguiremo nell'esaminare alcune  delle applicazioni restanti. Super Lite Questa è l'applicazione più leggera e minimale del lotto, di fatto incapsula il sito mobile all'interno di un applicazione Android, dal peso di 6.52 MB,  priva di qualsivoglia personalizzazione e con un banner pubblicitario in fondo allo schermo abbastanza fastidioso. Di fatto è semplicemente un alternativa al semplice sito mobile che a mio parere rimane però preferibile, non essendo più aggiornata da tempo. Simple Simple è stato uno dei client che ho usato di più, non perchè sia in assoluto il migliore ma per il semplice fatto che è una delle poche applicazioni in circolo sul play store a supportare il dual window del mio Lg G Flex 2. L'applicazione è ben curata sia graficamente che lato delle prestazioni, funziona molto bene anche su modelli non recentissimi. Non presenta problematiche particolari, se non quelle riscontrate anche in altre app quali Phoenix, per esempio nello scorrimento delle foto che non possono essere scorse se visualizzate a schermo intero, rispetto a quanto riportato per Phoenix in Simple non si riscontrano problemi con la pubblicazione dei post. Come molte delle app esaminate supporta la gestione dei messaggi evitandoci così l'installazione di FB Messanger. Tutto ciò rientra nella media dei client Facebook, ma questa app ha ancora un asso nella manica, la gestione dei preferiti. È presente nella barra degli strumenti un piccolo tasto che aggiunge una determinata pagina ai preferiti, non a tutti a primo impatto è chiara l'utilità di questa funzione quindi vi riporterò un paio di esempi. Immaginate di essere estremamente interessati ad una pagina che avete appena scoperto e volete esaminarla con più calma in un secondo momento, per non rischiare di dimenticarvi il nome potete aggiungerla ai preferiti. Oppure immaginate di visitare spesso una particolare pagina o profilo, aggiungendolo ai preferiti avrete sempre a disposizione.  L'unico neo è riscontrabile nella ricerca che non è iterativa. Lo spazio occupato non è da record 17.30 MB. Se il launcher lo supporta sono presenti le scorciatoie con long press. Mini Invasiva. Ecco come definirei quest'app. Ogni volta che l'aprirete chiederà la valutazione sul play store anche se avete già risposto di non volerla dare, oppure propone altre applicazioni dello stesso sviluppatore, come Mini for Instagram. Di default (se concedete i permessi) l'app monitora le chiamate in entrata segnalandovi con una "notifica" flottante la chiamata in arrivo, sovrapponendosi al vostro dialer, da cui potrete rispondere o terminare la chiamata, a dir poco fastidioso. Presenta delle modalità di gestione energetica, una boots mode che difatto sembra solo aumentare la velocità di scorrimento della home page, e una battery mode che di fatto non sembra portare significativi vantaggi in termini di risparmio energetico. È presente un menu hamburgher con varie opzioni tra cui le impostazioni dell'app oppure la navigazione tra messaggi e news feed piuttosto inutile e ridondande essendo prevista anche la classica barra di navigazione di Facebook. Altro punto a sfavore è lo spazio occupato di ben  30,16 MB, che di sicuro la farà scartare a molti possessori di smartphone con qualche annetto sulle spalle. Passando alle funzionalità extra fornite da questa app, che sono la vera arma a sua disposizione, è da segnalare il comodo il tasto per il downlod dei media (foto e video) e l'apertura dei link in-app usando un long press.

L'evoluzione di Keybase, smartphone e chat a portata di click

Circa due mesi fa abbiamo parlato di Keybase e abbiamo visto come sia possibile verificare la propria identità e quella dei nostri amici online e di come memorizzare e scambiare documenti cifrati in totale comodità attraverso questo servizio. Keybase è un progetto giovane ed in continuo sviluppo, basti pensare che fino a pochi mesi fa non esistevano nè KBFS, nè l'applicazione per pc, ma il suo team di programmatori sembra non arrestarsi mai. Dall'ultima volta che ne abbiamo parlato infatti è stata rilasciata l'applicazione mobile, disponibile gratuitamente sia per Android che per iOS, che, proprio come per la versione Desktop, permette di comunicare in modo cifrato e sicuro con qualsiasi altro membro della community. [ Immagine presa dal Play Store in quanto, per questioni di sicurezza, all'interno dell'applicazione non è possibile effettuare screenshot ] A differenza di quest'ultima però, da mobile non è ancora possibile navigare tra i propri documenti, ma è disponibile un servizio di messaggistica completo. Oltre alla crittografia end-to-end infatti sarà possibile raggiungere una determinata persona attraverso lo username di uno qualsiasi dei suoi profili social collegati, senza dover inserire nè email nè numero di telefono. Inoltre, per una maggior sicurezza, essendo lo smartphone uno strumento più soggetto a furti rispetto ad un pc, la passphrase verrà richiesta ad ogni apertura dell'applicazione. L'altra grande novità arriva sotto forma di estensione per Chrome e permette di effettuare chat private e cifrate con gli utenti Keybase direttamente dai loro profili social. Infatti, una volta installata, su ogni profilo Facebook, Twitter, Reddit, Hacker News e tutti quelli supportati dalla piattaforma, sarà disponibile un tasto blu che permettereà di iniziare una chat con quella persona. Nel caso quest'ultima non fosse iscritta a Keybase, sarà comunque possibile inviarle messaggi cifrati, facendo notare al destinatario che sarà necessario iscriversi al portale per poterli leggere. Sulla documentazione ufficiale è disponibile inoltre una piccola sezione F.A.Q. che ne descrive in breve il funzionamento, puntualizzando che Keybase non è in grado di leggere i messaggi inviati poichè cifrati end-to-end (il che assicura che i messaggi inviati possano essere letti solo da te e dalla persona con cui stai comunicando) e descrivendone la sicurezza trattandosi semplicemente di un'estensione che delega la cifratura e l'invio del messaggio all'app installata sul pc. 

[TaskerTime] Gestione automatica della geolocalizzazione

Android dispone di tre modalità di Geolocalizzazione, a Basso Consumo, che utilizza solo la rete internet, solo GPS e ad Alta Precisione che utilizza entrambe le tecnologie. Ovviamente "maggior precisione" implica un maggior consumo di batteria, di conseguenza tendiamo a disattivare totalmente la Geolocalizzazione quando non ne abbiamo bisogno (Android tra l'altro, dalla versione 6.0 ha introdotto un comodissimo tile nel pannello notifiche per far questo). Così facendo però perdiamo qualsiasi informazione legata alla nostra posizione, come può essere il meteo, le notifiche di Google riguardanti il traffico, a volte addirittura il conteggio dei passi e dei tragitti che facciamo. La soluzione potrebbe essere quindi quella di impostarne la modalità manualmente di volta in volta, ad esempio attivando la modalità ad alta precisione quando utilizziamo Google Maps e impostando quella a basso consumo altrimenti. Soluzione però che ci costa qualche tap in più e risulta decisamente scomoda. E se vi dicessi che tutto questo è facilmente automatizzabile con Tasker? Ebbene sì, il tutorial di oggi parlerà proprio di come automatizzare la precisione del sistema di Geolocalizzazione di Android in modo da impostarne un comportamento personalizzato per-app. Per quasi un anno ho utilizzato il plugin per Tasker Secure Settings che permette di modificare determinate impostazioni di sistema grazie ai permessi di root. Solo ultimamente ho approfondito un altro plugin, AutoTools che, tra le altre cose, permette di modificare queste impostazioni senza root, previo un piccolo comando via ADB per fornirne i permessi sufficienti. Innanzitutto avremo bisogno quindi sia di Tasker che del plugin AutoTools. Una volta installato quest'ultimo dovremo fornirgli i permessi via ADB. Per fare questo dovremo prima abilitare questa interfaccia, acronimo di Android Debug Bridge, che permette di collegarsial dispositivo Android da PC via riga di comando, seguendo questi passaggi: abilitare il Menù Sviluppatore toccando ripetutamente la voce Numero Build (Build Number) nella pagina Impostazioni -> Informazioni Dispositivo abilitare il Debug USB dal Menù Sviluppatore appena sbloccato raggiungibile dalle Impostazioni installare ADB sul proprio PC A questo punto sarà sufficiente collegare il dispositivo al PC e digitare il comando adb shell pm grant com.joaomgcd.autotools android.permission.WRITE_SECURE_SETTINGS dalla shell. [ Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina ufficiale dedicata ai permessi di AutoTools ] Passiamo ora al task vero e proprio che di per se è molto semplice. L'obiettivo è quello di collegare un'azione che modifica la precisione del GPS ad un evento di tipo Applicazione come è possibile vedere nell'immagine seguente. Per quanto riguarda l'utilizzo di plugin in Tasker il procedimento è tale e quale l'inserimento di un'azione "standard", la cui configurazione sarà delegata al plugin. Nel nostro caso avremo bisogno di un'attività di tipo AutoTools Secure Settings in cui imposteremo la Geolocalizzazione ad alta precisione come task in ingresso per il nostro evento e a basso consumo in uscita. Nell'esempio riportato avrete notato anche la presenza di azioni aggiuntive non trattate fin'ora. Si tratta di un'opzione che trovo molto comoda e che permette di modificare il timeout del display impostandolo a mezz'ora all'apertura delle applicazioni impostate e ripristinandolo a un minuto all'uscita da queste, in modo da non dover continuamente preoccuparmi di toccare lo schermo per mantenerlo attivo.