Daniele Bonfanti

Writer


subject

Migliori articoli

Alla ricerca del... launcher perfetto - Z Launcher

UPDATE:  Nokia ha recentemente comunicato la fine dello sviluppo di Z Launcher. Z Launcher,  è come suggerisce il nome, un launcher alternativo per Android, sviluppato da Nokia. Ho seguito il suo sviluppo dalla sua prima release e fin da subito mi ha colpito positivamente; considerando anche il fatto che tutt'ora si trova in stato di beta. L'approccio che propone Z launcher è rivoluzionario e molto smart. La home page è composta da una lista di sei applicazioni, che ci vengono proposte dal launcher. Grazie ad un algoritmo Z launcher imparerà dalle nostre abitudini e in ogni momento della giornata, quando sbloccheremo lo smartphone, cercherà di proporci le applicazioni che potrebbero servirci in quel preciso istante. E se per caso l'applicazione di cui abbiamo bisogno non si trova tra quelle della schermata principale? Nessun problema, ci viene incontro un'altra funzionalità di Z launcher, la scrittura a mano libera. Nella schermata principale sarà possibile scrivere una lettera, in modo da ricercare tutto quello che inizia con quella lettera, sia applicazioni sia contatti telefonici sia risultati di ricerca web. Vi assicuro che la comodità di cercare qualcosa con questo metodo è sbalorditiva, tant'è che inizierete a voler cercare le cose all'interno della vostra stanza semplicemente scrivendo una lettera. Inoltre i risultati della ricerca non ci vengono proposti a caso, bensì saranno ordinati secondo quello che il launcher pensa potreste aver bisogno, e ci azzecca quasi sempre. Nelle rarissime occasioni in cui non avrete trovato il risultato corretto scrivendo una sola lettera potrete scriverne una seconda e nell 99,99% dei casi troverete il risultato che vi aspettate. Abbiamo parlato di funzioni innovative, ma un utente Android si starà chiedendo "e i widget?" Ovviamente in Nokia hanno pensato anche a questo aspetto, facendo uno swipe da sinistra a destra si trova una pagina configurabile con tutti i nostri widget. Per molti una pagina sola potrebbe sembrare poco ma personalmente la trovo sufficiente. Inoltre un widget è presente anche nella schermata principale dove ci vengono mostrata ora e prossimi appuntamenti dal nostro calendario.  Con uno swipe da destra a sinistra, nella schermata iniziale, troveremo  il drawer delle applicazioni, ordinato alfabeticamente, anche'esso comodo ma non particolarmente utile, viste le funzioni citate sopra. Considerando che è una versione beta, ma tenendo conto che lo sviluppo dura ormai da due anni e mezzo alcune problematiche riguardanti le prestazioni non sono trascurabili. Alcune volte infatti il sistema non appare fluido, per esempio nella ricerca, o in alcune animazioni. Spesso uscendo da applicazioni pesanti, come i giochi, dovremo aspettare alcuni secondi prima che la lista delle applicazioni venga ricaricata.  Nelle passate versioni era anche presento un sostanzioso battery drain, che attualmente sembra essere stato eliminato quindi la speranza di un miglioramento delle prestazioni non è certamente mal riposta. Le possibilità di personalizzazione sono sicuramente meno ampie rispetto ad altri launcher, si limitano infatti alla grandezza delle icone e al tema delle stesse. Per questo motivo i più affezionati allo "stile classico" si potrebbero trovare a disagio e poter voler tornare indietro. Ma vi assicuro che avrete sempre nostalgia di Z Launcher e della sua intuitività nell'uso. Potete scaricare Z Launcher da qui: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.nokia.z Test effettuato con: LG G Flex 2 In definitiva il voto complessivo per Z Launcher è di 9/10.

Alla ricerca del... launcher perfetto - Evie Launcher

Un aspetto rilevante di uno smartphone Android è sicuramente l'estremo grado di personalizzazione. Senza dover avventurarci in procedimenti più "complicati" come l'installazione di una rom cucinata, possiamo modificare il look del nostro telefono installando un nuovo launcher. Negli ultimi anni ne sono stati pubblicati a dozzine sul Play Store e chi tra di noi non ha provato almeno uno? Ultimamente però la scelta è così vasta che trovarne uno che ci piaccia sta diventando piuttosto complicato. A questo scopo nasce questa nuova rubrica che ha come obiettivo trovare il miglior launcher Android, facendo una panoramica di pregi e difetti conditi con impressioni personali, cercando di essere d'aiuto in questa ardua scelta. Oggi parliamo di Evie Launcher, che si è rivelato essere una piacevole sorpresa, soprattuto nella sua ultima relase. Uscito ormai da qualche mese, ha visto negli ultimi giorni un importante aggiornamento che lo ha piacevolmente rivoluzionato, rendendolo simile al Pixel Launcher. L'interfaccia non viene stravolta rispetto all'esperienza Android standard, rimarrà la classica impostazione a schermate della home con la possibilità di inserire widget. Rimane anche il drawer delle applicazioni anche se ridisignato con la possibilità della vista in verticale oppure quella classica con 4 icone per riga, putroppo il numero di colonne e di righe non è modificabile. La feature più interessante è sicuramente la ricerca, attivabile sia con un comodo swipe dall'alto verso il basso, oppure facendo tap sulla barra di ricerca, all'apertura ci verranno presentate le app utilizzate recentemente. La ricerca non si limita solamente ad una ricerca tra le app installate, ma sfruttando i servizi di Google ci verranno proposti luoghi tramite Google Maps; giochi, canzoni, app provenienti dal Google Play Store e altri risultati provenienti dalla ricerca google. Come sempre per capire bisogna provare, ma vi posso assicurare che la comodità che offre è davvero elevata.  Le impostazioni sono moltissime tra le quali: numero di colonne, righe e dimensione delle icone della homescreen totalmente personalizzabile possibilità di modificare il layout della dock badge per le notifiche non lette gesture come il doppio tap per spegnere lo schermo Infine non si possono non nominare il redesign delle cartelle e il menu dei widget che è raggruppato per app. Niente è perfetto e qualche piccolo difetto lo troviamo, nella schermata home dove non è presente un menù di scelta rapida alla pressione dell'icona. Trascurabile per la maggior parte degli utenti android ma non da chi ha provato le nuove scorciatoie "alla pixel". In definitiva il voto che diamo ad Evie Launcher è di 8/10. Ringraziamo Lorenzo per la segnalazione di questo ottimo launcher.

I migliori client Facebook alternativi (prima parte)

Molti di voi avranno riscontrato come il sottoscritto che l'applicazione ufficiale di Facebook non fa faville sotto molti punti di vista. Uno degli aspetti sotto la critica degli utenti è lo spazio di archiviazione occupato. Per chi possiede un top di gamma di ultima generazione questo non è certo un problema ma per chi ha uno smarphone con qualche anno sulle spalle o che comunque ha uno spazio di archiviazione interno ridotto è un problema non da poco. Inoltre altro motivo di critica è l'eccessivo battery draining. Questo aspetto potrebbe interessare anche chi è in possesso dei top di gamma che dopo un uso intenso non hanno più l'autonomia di un tempo. In ogni caso l'installazione di un client facebook non potrà fare miracoli, ma sicuramente un piccolo risparmio di batteria lo noterete. Infine le prestazioni, una problematica che ha poco senso per gli smarphone moderni, ma nel caso usaste ancora un vecchio modello potrebbe essere importante avere qualcosa di snello e veloce. Le app presenti sul Play Store sono moltissime, per fare una scrematura iniziale mi sono basato sulle recensioni degli utenti. Ecco quindi le app provate: Metal Friendly Lite Simple Swipe Maki Swift Phoenix Mini Silm Social Oltre alle app sopra citate e alle altre che potrete trovare nello store, l'alternativa più semplice ed immediata è quella di usare il browser, non richiedendo spazio aggiuntivo ed essendo già preinstallato su ogni telefono. Analizeremo i seguenti punti: Prestazioni, anche su vecchi telefoni Spazio occupato Interfaccia, ad esempio la ricerca, la pubblicazione di un post, news feed ecc... Se sono presenti tutte le funzionalità che servono ad es caricamento foto, visualizzazione video ecc... Facebook Lite La versione lite di Facebook è il rimedio di Zuckerberg per venire incontro a quegli utenti che possiedono  uno smartphone poco prestante o che hanno un piano dati con pochi giga a disposizione. Originariamente pensata per i paesi in via di sviluppo dove oltre a queste condizioni si aggiungono anche reti non molto performanti, è quindi una delle app più leggere del lotto. Sicuramente da questo punto di vista compie appieno il suo dovere, tanto da poter essere installata su un preistorico Samsung Galaxy Ace con a disposizione ben 150MB di memoria, occupando appena 8.29MB. L'interfaccia ha una grafica molto semplice ed essenziale, di sicuro questo contribuisce a rendere più leggera l'app ma la cura nei dettagli lascia molto a desiderare , come ad esempio il menu per inserire le reaction che a mio parere è un po spartano. La visualizzazione delle gallerie fotografiche è ben fatta, si possono scorrere tutte le foto all'interno di un album anche a schermo intero ed i tasti per interagire con esse come, mi piace, commento ecc. sono sempre visibili in fondo allo schermo. Bisogna però specificare che non è possibile visualizzare le immagini a 360°. La barra di ricerca non ci permette di visualizzare i risultati in maniera iterattiva mentre scriviamo. Un'aspetto da non sottovalutare è la possibilità di gestire seppur in maniera basilare i messaggi, con anche il supporto a emoj e sticker, così da poter evitare di installare Facebook Messanger. Da sottoliniare che malgrado la leggerezza l'app anche su dispositivi moderni i caricapenti per passare da una pagina all'altra sono abbastanza lenti. Friendly A prima vista Friendly è l'applicazione meglio riuscita tra quelle provate, la grafica è molto ben curata, proponendo un layout diverso da quello di Facebook lite. Troveremo infatti la barra di navigazione in fondo allo schermo, anche se è possibile riportarla nella posizione classica. Le personalizzazioni dell'interfaccia sono numerose, oltre alla possibilità di cambiare tema, sono disponibili anche una modalità notturna ed una per gli schermi amoled che modificano l'interfaccia rendendola di colore nero. La barra di ricerca, mostra i risultati in tempo reale però perde la visualizzazione della cronologia. Molto comodo è il tasto posto in cima al news feed per poter modificarne la visualizzazione. Ad esempio sarà possibile passare alla modalità post più recenti, oppure attivare un filtro per parola chiave. Inoltre è presente un browser in-app per aprire i link esterni all'applicazione. Come in Facebook Lite è disponibile la chat. Tutte queste funzionalità aggiuntive hanno ovviamente un costo in termini di spazio , difatti l'app pesa 28,54MB, venti in più rispetto a Facebook Lite. Ovviamente non è tutto oro quel che luccica e anche quest'app non è perfetta, la visualizzazione degli album fotografici non è molto efficente, aprendo una foto essa non verrà direttamente visualizzata a schermo intero ma bisognerà aprirla manualmente premendo il tasto subito sotto la foto, come avviene sulla versione mobile del sito. Inoltre una volta aperta a schermo intero non sarà possibile scorrere le foto. Non è disponibile il supporto alle immagini a 360°. Altro aspetto negativo riguarda la pubblicazione di post nei gruppi, l'area di testo visualizzata è minuscola e scorrendo verso il basso per visualizzare il contenuto del post attiveremo inavvertitamente l'aggiornamento della pagina perdendo quello che abbiamo scritto. Sono presenti alcune feature addizionali che danno un plus a questa applicazione, come la possibilità di inserire un codice di blocco all'accesso ed un adblocker (a pagamento) che impedirà la visualizzazione dei post sponsorizzati.  Phoenix App molto leggera pesa infatti solo 10,24 MB. La ricerca è la meglio riuscita tra quelle presentate finora difatti mostra sia la cronologia sia i risultati in tempo reale. La grafica dell'interfaccia è pulita ed ogni post è incorniciato in modo da rendere la letturà più piacevole, il menu delle reaction è stato rimpiciolito risultando molto piacevole all'occhio. Come per Friendly è possibile personalizzare layout e tema anche se alcune delle opzioni sono a pagamento, ed è disponibile un ad blocker, per ora in versione a pagamento. Le analogie con friendly continuano anche per i difetti sia per quanto riguarda la visualizzazione delle foto che per la pubblicazione dei post, in questo caso addirittura peggiore perchè gli stessi problemi che troviamo in friendly ma oltre che per i gruppi lo stesso problema si ripresenta anche nell'aggiornamento dello stato del nostro profilo. Inoltre la chat non sarà presente in prima funzione nella barra di navigazione, la si potrà trovare nel menu altro insieme ad altre voci come la possibilità di ordinare il news feed con i post più recenti.

Alla ricerca del... launcher perfetto - Nova Launcher

Dopo aver provato alcuni launcher di nicchia o comunque non conosciuti presso il grande pubblico, è finalmente giunto il momento di recensire uno dei più famosi, se non il più famoso launcher per Android: Nova Launcher. Non a caso è uno dei più scaricati sul play store (più di 10 milioni di download). Il punto di forza di Nova è la vicinanza all'esperienza stock di Android, anche se arricchita con molte nuove funzionalità. Se state cercando possibilià di personalizzione quasi illimitate con Nova siete, come si suol dire, in una botte di ferro. Nelle ultime versioni il launcher ha seguito l'evoluzione del Pixel Launcher made in Google, introducendo tutte le novità presenti in esso. Partendo dalle scorciatoie visualizzate alla pressione dell'icona di un applicazione, simulando il funzionamento del 3D-touch, funzione che per ora non è ancora supportata da tutte le applicazioni. Anche il drawer delle applicazioni è ispirato dal pixel launcher, per aprirlo non sarà più presente la classica icona centrale nella dock ma basterà effettuare uno swipe dal basso verso l'alto. Inoltre sarà possibile inserire la barra di ricerca fissa in stile Pixel per completare la personalizzazione. Certamente non sono funzioni esclusive e non saranno il primo motivo per scegliere questo launcher rispetto ad un altro, ma meglio che ci siano piuttosto che no. Per chi è più nostalgico sarà comunque possibile dare un aspetto più classico utilizzando il vecchio pulsante per aprire il drawer. Non è presente l'opzione per eliminare il drawer, anche se volendo basterà semplicemente spostare tutte le icone sulla home ed impedire l'accesso al drawer, per esempio eliminando il pulsante per aprirlo, ricreando l'effetto cercato. Come da tradizione Adroid, è disponibile il supporto ai widget Già da queste prime righe è chiaro che il livello di personalizzazione è altissimo, ma quello che più stupisce non è tanto la quantità delle opzioni quanto il fatto di poter intervenire sui dettagli. E si sa sono i dettagli a fare la differenza. Per fare un esempio, ho sempre odiato l'indicatore della pagina corrente, cosa dal mio punto di vista inutile utilizzando tre pagine nella home con layout piuttosto differenti, è quindi impossibile "perdersi". Ebbene con Nova è possibile eliminare il suddetto indicatore lasciando inoltre più spazio per le icone. Altre opzioni tra le più classiche sono elencate di seguito: possibilità di modificare il numero di righe e colonne della griglia applicazioni sia per home page che per il drawer. personalizzazione delle cartelle modifica delle animazioni e della velocità delle stesse è disponibile il supporto ad icon pack esterni, praticamente tutti quelli presenti nel play store sono compatibili con Nova Altro grande cavallo di battaglia di Nova sono le gesture personalizzabili, è possibile associare ad una qualsiasi delle gesture disponibili una particolare azione a nostra scelta. Per esempio al doppio tap sullo schermo possiamo associare il classico spegnimento dello schermo ma se volessimo potremmo, per esempio, associare l'aperturadi una particolare app. Con Tesla Unread, un'applicazione esterna sviluppata dagli stessi creatori di Nova Launcher, che posiziona "sopra" alle icone delle applicazioni, i badge che indicano il numero di notifiche non lette, anch'essi completamente personalizzabili in forma colore e dimensione. Ultimo, ma non per importanza parliamo di backup. Tramite l'apposita funzione nel menu sarà possibile esportare il nostro layout sotto forma di backup, anche su Google Drive o altri servizi cloud (servirà avere la relativa applicazione installata). Se lo desiderate potrete parteciapre al programma beta, avendo così la possibilità di accedere a tutte le ultime novità in anteprima, pagando lo scotto di prestazioni più basse e possibile instabilità. Potete visitare questa pagina per partecipare anche voi al programma. In ultima analisi possiamo dire che Nova Launcher è perfetto per chi cerca un alto tasso di personalizzazione, anche se le molte opzioni presenti possono, almeno inizialmente, confondere l'utente. Parlando di prestazioni sui moderni telefoni non ho riscontrato particolari problemi, se non qualche sporadico ricaricamento. Specifico che io utilizzo la versione beta dell'app e quindi alcuni rallentamenti e malfunzionamenti potrebbero essere causati da questo. Il voto complessivo per Nova Launcher è  10/10. Test effettuato con: LG G Flex 2.

Automate, l'alternativa a tasker

Per chi non la conoscesse Automate è un'app disponibile per Android, che ci permette di automatizzare diverse azioni che compiamo quotidianamente. Ad esempio l'accessione automatica del wi-fi una volta che arriviamo a casa, oppure l'effettuare un backup di tutte le foto che abbiamo scattato durante la giornata. Ovviamente gli utilizzi possono essere moltissimi e sono limitati solo dalla fantasia. Fatte le dovute presentazioni passiamo col dire che da un po di tempo a questa parte  si sta imponendo come principale alternativa a tasker altra famosa app di automazione.  La forza di automate sta nella semplicità, creare i flow, ovvero i percorsi logici da far seguire all'applicazione è veramente facilissimo. Il meccanismo è basato su delle tessere da posizionare sullo schermo per poi connetterle tra di loro creando un percorso logico in modo da ottenere un determinato comportamento. Ad esempio se vogliamo accendere il wi-fi una volta arrivati a casa, non dobbiamo far altro che prendere la tessera che controlla la nostra posizione ed unirla alla tessera che abilita il wi-fi. Insomma, chi ha un po di competenze informatiche avrà già capito che stiamo parlando di qualcosa di molto simile ai diagrammi di flusso.  Ogni tessera per funzionare avrà bisogno di particolari permessi installabili direttamente dall'applicazione. Tappando sull'apposito tasto ci verrà chiesto di scaricare una app contenente i relativi permessi. Inoltre alcune funzioni avranno bisogno dei permessi di root per essere eseguite, come ad esempio quelle relative all'attivazione della connessione dati. Ovviamente tutto questo ben di dio ha un prezzo(onesto), l'applicazione è infatti disponibile gratuitamente sul play store ma da la possibilità di avere in esecuzione contemporaneamente flow per un totale di 30 tessere, che sembrano tante ma una volta che ci si prende la mano sono molto poche. Soprattutto perchè automate mette a disposizione una community dove gli utenti possono fare upload dei propri flow per condividerli. Molti di quelli presenti e, secondo il mio parere, tra quelli più interessanti richiedono la versione pro dell'app. In conclusione automate può essere un valido sostituto di tasker sia per gli inesperti sia per i più geek. Certo è che chi si è già costruito il proprio "ecosistema" su tasker difficilmente sarà disposto a cambiare.